Volley serie B maschile girone D, Davide Rosati (Canottieri Ongina): “Provare a vincere ogni match, uno per volta, senza guardare la classifica”
Il libero bresciano traccia la strada giallonera in vista della trasferta di sabato ad Asola

MONTICELLI (PIACENZA), 21 FEBBRAIO 2024 – Una bella reazione, sia in relazione alla precedente sconfitta sia al ko del match d’andata in terra veronese. Sabato scorso la Canottieri Ongina ha mostrato i muscoli in serie B maschile piegando 3-1 a Monticelli il Volley Veneto Benacus nella seconda giornata di ritorno del girone D. Il passo falso sul campo del forte Viadana, dunque, è stato assimilato, con la squadra di Gabriele Bruni (quinta forza del campionato) che ha saputo voltare pagina. Sabato trasferta mantovana sul campo della Kema Asola Remedello (ore 20,30); a fare il punto della situazione in casa giallonera è il libero Davide Rosati.
“Abbiamo giocato – afferma l’atleta cremascoo, al suo secondo anno in riva al Po – una buona partita, per quasi tutto il match siamo stati in controllo avanti nel punteggio e ci siamo sicuramente rifatti dagli ultimi due match dove non avevamo conquistato set. Inoltre all’andata contro il Benacus avevamo giocato una delle nostre peggiori partite del campionato. Sono arrivati tre punti, abbiamo perso un set ma è stato determinato da episodi. Abbiamo mostrato orgoglio, da tempo ci diciamo che dobbiamo reagire a tutte le difficoltà che continuano a non darci tregua”.
Per la Canottieri Ongina, infatti, è una stagione travagliata, anche a causa di infortuni che continuano a minare l’organico e il lavoro in palestra. Così, i piacentini si ritrovano attardati rispetto alla zona play off, come ogni anno nel mirino per il sodalizio del presidente Fausto Colombi.
“Guardare la classifica ora ha poco senso – commenta Rosati – l’unica cosa che possiamo fare è cercare di vincere di volta in volta il match che si presenta davanti e vedere poi cosa succede. Non siamo nella situazione in cui speravamo di trovarci a inizio anno, ma questa è la cosa più saggia da fare. Speriamo di allenarci con continuità con l’organico completo e trovare un livello di gioco costante per essere competitivi un po’ con tutti: i ranghi ridotti ci hanno penalizzato prima nella quotidianità e poi in partita. Cercheremo di alzare l’intensità generale”.
Prossimo step, la trasferta mantovana di Asola. “La Kema Asola Remedello – conclude il libero giallonero – ha tanti giocatori esperti, con diverse stagioni in categoria, e si è rinforzata con Peslac. Ci aspetta una partita tosta, all’andata abbiamo vinto ma in questi due match dopo il giro di boa abbiamo visto che il confronto precedente conta poco. Noi dobbiamo provare a vincere tutti i match che ci aspettano”.